English version Scrivici:   vlad@ordinedeldrago.it
Ciao, benvenuto nell'Ordine del Drago!


Eventi



CONVEGNI  *  RASSEGNA CINEMATOGRAFICA  *  MOSTRA

23 e 24 novembre 2002
Accademia d'Ungheria - Palazzo Falconieri, Via Giulia, 1 - Roma

Orari: 10.30-19.30 - Ingresso libero



Carissimi amici,
eccoci di ritorno dalla trasferta romana per la divertentissima "due giorni" vampirica che si è tenuta all'Accademia d'Ungheria il 23 e 24 novembre. Organizzata dall'Ordine del Drago e da Comunic@zione, con il contributo dell'Assessorato alla Cultura della Regione Lazio, la manifestazione ha riscosso uno straordinario successo di pubblico. Più di 2000 sono stati infatti i visitatori che nel corso di sabato e domenica si sono alternati nelle sale di Palazzo Falconieri, la bellissima sede dell'Accademia d'Ungheria in Roma.
Questo importante evento ha finalmente permesso alla nostra associazione di mettersi in luce e di poter esporre parte del suo ricco archivio; un archivio fatto non solo di oggetti e testi preziosi ma anche di tanta conoscenza, cultura e sapere "vampirico". Un archivio che esiste anche, e soprattutto, grazie alla vostra formidabile partecipazione e collaborazione.
Della manifestazione hanno parlato e scritto il GrCultura di Radio Rai, il TG di La7, Radio Città Futura, Parvapolis.it, Sette, Panorama, Romac'è, Donna Moderna, Soprattutto, Il Messaggero, Il Tempo, La Repubblica, Corriere della Sera, Secolo d'Italia, Avvenire e molti altri quotidiani locali.
Per chi non è potuto intervenire alla grande kermesse vogliamo riassumere gli eventi che si sono susseguiti nel corso di Dracula. Mito e Realtà.


 Primo giorno: sabato 23 novembre 2002
Nel corso della mattinata di sabato 23 novembre, a partire dalle ore 10.30, si è tenuto il primo convegno di Dracula. Mito e Realtà, intitolato Vampiri tra etnie e storia. Sono intervenuti Roberto Ruspanti (Docente di Letteratura Ungherese all'Università di Udine), Carla Corradi Musi (Docente di Filologia Ugrofinnica all'Università di Bologna) e Paolo Zanetov ("psicologo dei vampiri" e grande amico dell'Ordine del Drago). Si è affrontato il tema dell'origine del mito del vampiro e della sua straordinaria diffusione nell'area dell'Est europeo. Dopo l'introduzione di Roberto Ruspanti (che ci ha aiutato a capire che tipo di regione sia effettivamente la Transilvania, autentico crogiolo di popoli), Carla Corradi Musi ci ha illustrato la sua affascinantissima teoria sull'origine sciamanica del vampiro e ci ha condotto per mano in un veloce viaggio tra le credenze vampiriche europee. Ha concluso il convegno Paolo Zanetov con un approfondito discorso sui rapporti che legano le popolazioni zingare al vampiro. In conclusione, i relatori hanno risposto alle domande del pubblico.
Nel pomeriggio, a partire dalle 14.30, sono stati proiettati i primi tre film della rassegna cinematografica: Dracula di Tod Browning, Dracula il Vampiro di Terence Fisher (ambedue in una rara edizione in lingua originale) e il divertente Dracula padre e figlio di Edouard Molinaro. Intanto, tra un intervento e l'altro, tra un film e l'altro, molte persone hanno visitato la mostra allestita nel lungo corridoio centrale con più di 30 pannelli illustrativi e con diverse teche contenenti reperti "vampireschi", fumetti, libri e gadgettistica varia.


Secondo giorno: domenica 24 novembre 2002
Sempre animata da un generoso afflusso di pubblico, la giornata di domenica è iniziata con l'apertura del secondo convegno, intitolato Vampiri dell'immaginario. Ad aprire la discussione sul vampiro protagonista del nostro immaginario è stato Massimo Izzi, studioso, scrittore e autore del "Dizionario illustrato dei mostri". Partendo dalle probabili definizioni di vampiro e scandagliando i diversi aspetti che caratterizzano lo sviluppo di un mito così radicato nel nostro immaginario collettivo, Massimo Izzi ha permesso a Quirino Principe (musicologo) di approfondire il rapporto tra letteratura gotica e teatro musicale nel XIX secolo. Con un brillante parallelo tra il romanzo Il Vampiro di John William Polidori e l'opera lirica Der Vampyr di Heinrich August Marschner, Quirino Principe ha permesso (con dotti approfondimenti e contributi sonori) al pubblico presente in sala di scoprire le armonie cupe e affascinanti di un'opera lirica dimenticata dai grandi teatri ma che invece merita certo molta attenzione. A conclusione del secondo convegno, Alberto Ravaglioli (direttore del Fantafestival di Roma) ha costruito un itinerario dalle origini del cinema vampirico ai giorni nostri.
Nel pomeriggio si sono proiettate le due pellicole che completavano la rassegna cinematografica dedicata interamente al personaggio di Dracula: Nosferatu di Werner Herzog e il raro Dracula cerca sangue di vergini e... morì di sete! di Paul Morissey e Antonio Margheriti.


Ringraziamenti
Il risultato strepitoso di Dracula. Mito e Realtà va condiviso con tutti quelli che l'hanno reso possibile, vale a dire l'Assessorato alla Cultura della Regione Lazio (che ha creduto nel progetto finanziandolo), l'Accademia d'Ungheria (che ci ha concesso l'uso degli spazi), Gabriella Rossi (infaticabile "coordinatrice generale"), Gaetano Martino (fornitore delle bellissime pellicole per la rassegna cinematografica e dei manifesti esposti in mostra) e Paolo Zanetov (amico insostituibile), oltre naturalmente ai relatori che sono intervenuti "prestandoci" la loro cultura: Roberto Ruspanti, Carla Corradi Musi, Quirino Principe, Massimo Izzi e Alberto Ravaglioli. A tutti loro il nostro più sincero grazie!

Gran Maestri dell'Ordine del Drago



Leggi il comunicato stampa >>>
Guarda le immagini dell'evento >>>
Copyright © OrdinedelDrago - Tutti i diritti riservati.