English version Scrivici:   vlad@ordinedeldrago.it
Ciao, benvenuto nell'Ordine del Drago!


 


informazioni, novità, recensioni, cultura, articoli, attualità, storia

Numeri arretrati >>>

Numero 28 - Luglio 2009

APPUNTAMENTO A SIGHISOARA, CITOFONARE DRACULA
di Roberto Barbolini, dal sito www.panorama.it



Sighisoara è una città transilvana di circa 30 mila abitanti, dove si respira ancora l’odore del medioevo. Schaessburg la chiamavano i mercanti sassoni che l’abitavano e commerciavano con l’impero ottomano, vessati da Vlad tepes, l’Impalatore( 1430-1476), il Dracula storico, noto per la sua ferocia sanguinaria.
Tracce evidenti della cultura germanica si mescolano alle radici magiare che si intrecciano con l’influsso romeno oggi preponderante, risalente a sua volta agli antichi Daci sconfitti dai Romani al tempo dell’imperatore Traiano. Ma è il medioevo il periodo d’oro che ha fatto di Sighisoara la “Cetatea de vis”, la città del sogno, dove le vestigia del passato storico - testimoniato dalla svettante Torre dell’Orologio e dalle altre torri che costellano la cinta muraria, edificate a spese delle varie corporazioni (macellai, pelliciai, barbieri, ecc.) - si mescolano alle tracce di Vlad Tepes che leggenda vuole sia nato qui, nella casa dove suo padre Vlad Dracul abitò tra 1431-1435.
Di sicuro il vero Dracula soggiornò a Sighisoara nel 1476, l’anno della sua morte. Questo basta a fare della città un luogo sacro ai vampirologi di tutto il mondo, che vi si radunano annualmente a convegno. Il prossimo appuntamento è fissato dal 12 al 14 maggio del 2010. Grande importanza riveste anche il festival medievale che si tiene ogni anno l’ultima settimana di luglio. Informazioni storiche e turistiche sono disponiibili su www.muzeusighisoara.com. L’accoglienza alberghiera è garantita dall’Associazia turistica Sighisoara. Si va da hotel di lusso come il 5 stelle Fronius Residence (www.froniusrecidence.ro) al 4 stelle Korona (www.hotelKorona.ro), a confortevoli pensioni come la medievaleggiante Vila Franka (www.sighisoara-tourism.com). Voli low-cost per Cluj-Napoca, da cui si dista 160km, sono disponibili da Orio al Serio con la compagnia Wizz Air.



ALTRO CHE TWILIGHT! SONO ANDATO A CASA DI DRACULA, QUELLO VERO
di Roberto Barbolini, dal sito www.panorama.it


“Chi non muore si rivede” è solo un detto banale, caro alle nonne. Ma vi assicuro che nella terra di Dracula, il non-morto per eccellenza, assume tutto un altro sapore. È per questo che, al saluto del mio amico Vittorio, non ho potuto fare a meno di sobbalzare. Dopo dieci anni che non ci vedevamo mi è sembrato più magro e decisamente ringiovanito. Ho provato a buttarla sullo scherzo: “Ti sei sparato un tir di Gerovital?”. Ma l’amico si è limitato ad un sorrisetto immortale. Io e Diego ci siamo rivolti uno sguardo d’intesa, come a dire: si comincia bene.
Vittorio Ballarotti è un artista che non vuole essere definito tale e a un certo punto è scomparso dalla circolazione, ritirandosi “in volontario esilio” (così gli piace dire) a Sighisoara, la città natale di un certo Vlad Tepes in arte Dreacula. Proprio lui: il voivoda valacco (1430-1476), grande impalatore di turchi e non solo, che una leggenda dura a morire, originata dalla sua ferocia sanguinaria, ha associato alla mitologica figura del vampiro. La colpa, o il merito, è del soprannome: Draculea, ereditato dal padre Vlad Dracul, cavaliere dell’ordine del Drago e principe di Romania per volontà dell’imperatore Sigismondo di Lussemburgo. Bella lezioncina di storia, direte voi. Me la ripasso mentalmente mentre filiamo nella notte verso Sighisoara, Schaessburg per i mercanti sassoni che l’abitavano nel medioevo commerciando con l’impero ottomano. Vittorio e Aurelian Varvara sono venuti a prenderci all’aeroporto di Cluj-Napoca, capitale della Transilvania e grande polo universitario. Il fatto che sia anche la città natale del re ungherese Mattia Corvino, che tenne Vlad Tepes per 12 anni a Budapest in una prigione scavata sotto il Danubio, è decisamente una piccola ironia della Storia.
Finalmente arriviamo. Sighisoara di notte, con la splendida Torre dell’Orologio e il municipio e le altre torri illuminate che si stagliano nel perimetro fortificato della città vecchia, è un colpo d’occhio che non si dimentica. La suite della pensione Vila Franka ha un suo confortevole incanto finto-medievale. Ma tutto questo non è sufficiente a tranquillizzarmi.
Ricordate il Dracula di Bram Stoker? Jonathan Harker arriva al castello transilvano del Conte per vendergli casa a Londra. E fin qui tutto bene: già Voltaire diceva che i veri succhiasangue, ossia capitalisti e banchieri, vivono nelle grandi metropoli. Ma io, stanco dei neovampiri rosè stile Twilight, mi sonno fatto trascinare in un’impresa impossibile: rivendere Dracula, quello vero, a casa sua. La mia fama di vampiromaniaco italiano, propalata da Ballarotti mi ha fruttato un invito al Rotary di Sighisoara per dissertare sul tema: un po’ come parlar di corda in casa dell’impiccato. O cercare di esportare cioccolata e orologi a cucù in Svizzera.
Eppure: “Te la caverai” mi rassicura Vittorio, nell’inquietante bric-a-brac d’oggetti che affastellano i quattro piani della sua casa a filo delle mura di Sighisoara, all’altezza della Torre dei Pellicciai. L’ha tirata su pian piano partendo da due porcilaie e una latrina. Adesso è un museo del tempo perduto che Diego non si stanca di fotografare, dove s’affastellano binocoli e carrozzine, cetre e violini, ampolle faustiane e civette impagliate, mappamondi e maschere demoniache, libri rari e macchine tessili, ritratti di Cecco Beppe e aeroplanini giocattolo.
A vivere in mezzo a tutto quel passato, Ballarotti è diventato profeta: in qualche modo al Rotary riuscirò a cavarmela ciarlando di Stoker, Le Fanu, Varney il vampiro malinconico, ma anche delle origini modenesi di Christopher Lee, il più celebre Dracula dello schermo, discendente per parte di madre dai nobili Carandini.
Il giorno dopo, è già l’ora degli addii, “Salutami la triste e generosa Milano” fa Ballarotti, richiudendo la grata della sua prigione-museo. Mentre Aurelian, gentile come sempre, riaccompagna me e Diego a Cluj, non so ancora che l’associazione Transilvania-Dracula ha deciso di invitarmi al prossimo congresso mondiale sul vampiro, che si terrà a Sighisoara dal 12 al 14 maggio del 2010. Dalla maglietta-ricordo di mio figlio Vlad Tepes sogghigna in silenzio.


Copyright © OrdinedelDrago - Tutti i diritti riservati.